Full text: Dialogo Dell'Imprese Militari Et Amorose Di Monsignor Giouio Vescouo di Nocera; Et del S. Gabriel Symeoni Fiorentino. Con vn ragionamento di M. Lodouico Do-menichi, nel medesimo soggetto. Con la Tauola

CMolte fiate ho vdito dire a M . Matteo Balj> * ni Gentil'buomo Lucchefe , che friega iddio cheJ non ili conceda richezze , fe non gli dì infiem l'animo di faperfene feruire , giudicado ch'elleno fi 
tanto buone e da ejfer dißderate , quanto i t0jB n di effe ferie feruono honoratamente , e congiw' ciò ne fan partecipi coloro , che per colpa di fort»» ne hanno mancamento } maßimarnentegltamici fflthuomini da hene : il che non facendo pare al b * Gentiluomo che le nahezu , che non feruono ( ¡mili & altre cofe lodeuoli & honeste , apportinf tosto carico , biafimo , e danno a chi ^P0Ju e'^uj ( , 
art LE IMPRESE " DEL M . Matteo Balbani . Richezza mente fpefa .
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.